14ª giornata di serie A: sorpasso Inter nel segno del “Toro”

    14ª giornata di serie A: Sorpasso Inter nel segno del “Toro”
    14ª giornata di serie A: Sorpasso Inter nel segno del “Toro”

    Il pareggio che non ti aspetti all’Allianz Stadium della Juventus contro un ottimo Sassuolo (grazie anche alle parate dell’esordiente classe 2001 Stefano Turati, che diventa il primo portiere nato negli anni 2000 a disputare un match in Serie A) e la sua conseguente vittoria casalinga sulla Spal qualche ora dopo, permette all’Inter di Antonio Conte di scavalcare i bianconeri al primo posto in classifica: grande soddisfazione per i nerazzurri, che non occupavano la prima posizione solitaria dopo la quattordicesima giornata dalla stagione 2009/10.

    Mantengono la terza e la quarta posizione le due romane Lazio e Roma (entrambe vittoriose rispettivamente contro Udinese e Verona), mentre il Napoli non sa più vincere (sono sei le gare senza vittoria per gli uomini di Ancelotti).

    All’Atalanta il derby lombardo contro il Brescia (0-3 senza storia): la dea continua la sua corsa all’ennesima qualificazione europea. Respira invece il Milan, che torna alla vittoria espugnando il Tardini di Parma, grazie al “bomber per caso” (in attesa di quello vero, ormai un fantasma, Piatek) Theo Hernandez, capocannoniere dei rossoneri con tre gol (proprio come il polacco).

    Ma andiamo a vedere chi sono stati i tre protagonisti di giornata…

    Ciro Immobile

    Come si può non menzionare Ciruzzo in questo periodo.
    Sono 17 le reti realizzate in 14 partite di campionato, che gli permettono di spodestare momentaneamente Robert Lewandowski nella classifica per la scarpa d’oro. 


    In tre anni e mezzo ha già realizzato 105 reti in biancoceleste in tutte le competizioni, le stesse segnate da Tommaso Rocchi in nove stagioni, 17 in meno di re Giorgio Chinaglia, che ne ha segnate 122 in sette.

    Con la doppietta di ieri dell’Olimpico, il bomber campano ha raggiunto le cinque marcature multiple in questa Serie A, più di qualsiasi giocatore tra i Top-5 campionati europei: nessun giocatore ha segnato più gol di lui in casa nei Top-5 campionati europei in questa stagione (nove, come Lewandowski).

    Sono solo due i giocatori nella storia della Serie A che hanno raggiunto 17 gol segnati in meno partite giocate dalla squadra rispetto a Immobile in questo campionato: Angelillo con l’Inter nel 1958/59 e Felice Placido Borel con la Juventus nel 1933/34.

    Ciro è inarrestabile e la sua Lazio, grazie a lui, continua a volare…

    Lautaro Martinez

    E’ l’uomo del momento in casa nerazzurra: le sue straordinarie performance di questo inizio campionato hanno attirato le attenzioni del suo compagno di nazionale Leo Messi e del Barcellona, pronta secondo la stampa iberica, a pagare già a giugno la clausola rescissoria di 111 milioni. Ma difficilmente Marotta si farà sfuggire Lauti.

    Sono 8 le reti in campionato in 14 partite, 5 in 5 presenze in Champions League. Con il primo gol di ieri poi, Lautaro ha raggiunto quota sei reti realizzate nei primi trenta minuti di gioco: è il miglior marcatore nella prima mezzora in questa Serie A.

    Conte e i tifosi interisti se lo godono, Maurito Icardi è ormai dimenticato grazie a Lautaro Martinez, El “toro scatenato”.

    Diego Perotti

    Se non fosse per i suoi muscoli di cristallo…

    Le qualità di Diego Perotti non sono in discussione, la sua continuità sì. Ma ieri a Verona è tornato ad essere quel giocatore decisivo, quel plus, dall’inizio o a gara in corso, che tanto serve alla Roma per spezzare gli equilibri. Gol su rigore (16º gol su rigore sui 27 gol totali realizzati in Serie A) e assist splendido al compagno Mykhitarian: “El monito” non segnava e forniva un assist nello stesso incontro dal lontano novembre 2017 in Serie A , nella vittoria per 2-1 nel derby capitolino.

    La speranza di Fonseca e dei tifosi romanisti, è che ora dia continuità alla sua classe…

    Ora le solite, tantissime, curiosità dopo la quattordicesima giornata. Da leggere tutte d’un fiato…

    • Prima doppietta in Serie A per Mario Pasalic; è il terzo centrocampista dell’Atalanta ad aver realizzato una marcatura multipla in questo campionato, dopo Gómez e Ilicic.
    • Josip Ilicic ha segnato quattro gol nelle sue ultime quattro presenze in Serie A, tante reti quante nelle precedenti 16 gare giocate nella competizione.
    • Primo successo in Serie A nel mese di novembre per l’Atalanta, che dopo il 7-1 contro l’Udinese il 27 ottobre aveva trovato due pareggi e due sconfitte.
    • Era dal 1995 che il Brescia non registrava una striscia di almeno sei sconfitte consecutive nel corso di un singolo campionato in Serie A (15 in quell’occasione).
    • Tra gli allenatori che hanno esordito in Serie A dal 1994/95, Fabio Grosso è il quinto a non veder la propria squadra andare in gol in tutte le prime tre panchine in Serie A dopo Mauro Sandreani, Walter Novellino, Mario Somma e Moreno Longo.
    • Il Torino ha registrato due successi di fila fuori casa in Serie A per la prima volta da settembre 2017, allora sotto la guida di Sinisa Mihajlovic.
    • Il Genoa è l’unica squadra di questo campionato ad aver perso almeno 3 partite in questa Serie A con più del 60% di possesso palla a fine match (due con Thiago Motta in panchina, Udinese e oggi).
    • Il Genoa ha subito 12 gol da palla inattiva in questo campionato, nessuna formazione ne ha incassati di più da fermo.
    • Quarto difensore a segno per il Torino (Bonifazi, Izzo, Ansaldi e Bremer): al pari della Juventus è la formazione che ha mandato a segno più difensori in questa Serie A.
    • Primo gol in Serie A per Bremer, in questa che è la sua tredicesima presenza.
    • Settimo legno per il Genoa in questo campionato (solo quattro squadre ne contano di più): i liguri avevano centrato due legni anche nel match contro il Brescia.
    • Con questo successo il Lecce ha rimesso in perfetta parità il bilancio nelle 27 sfide contro la Fiorentina in Serie A: nove vittorie per parte e altrettanti pareggi.
    • Il Lecce ha conquistato fuori casa 11 dei 14 punti in questa Serie A: terzo successo per i salentini in trasferta in stagione.
    • Primo clean sheet stagionale per il Lecce: i giallorossi hanno mantenuto la porta inviolata in Serie A dopo 21 partite consecutive con almeno un gol subito.
    • La Fiorentina ha perso sei delle ultime sette sfide in Serie A contro squadre neopromosse (1N), tutte per 0-1 incluse le ultime tre consecutive in casa.

    La Fiorentina ha ottenuto un solo punto nel mese di novembre: solo il Brescia (zero) ne ha raccolti meno nello stesso periodo.

    • Includendo la scorsa Serie B, Andrea La Mantia ha realizzato di testa cinque dei suoi ultimi sei gol, compresi tutti gli ultimi quattro.
    • Evgen Shakhov ha fornito due assist nelle ultime tre partite da titolare in Serie A.
    • Nikola Milenkovic ha vinto il 100% dei duelli aerei (sei su sei) nella sfida contro il Lecce.
    • Franck Ribery ha completato l’83.3% dei dribbling tentati nella sfida contro il Lecce (cinque su sei): la miglior percentuale del francese in una singola partita di questo campionato.
    • Leonardo Bonucci è uno dei due difensori ad aver segnato almeno due gol in tutte le ultime sette stagioni nei cinque maggiori campionati europei, insieme a Sergio Ramos.
    • Il Sassuolo ha raccolto punti per la prima volta in Serie A in trasferta contro la Juventus, aveva infatti sempre perso nelle sei precedenti.
    • Per la prima volta in questa stagione in tutte le competizioni, la Juventus non ha vinto in casa – prima di questo match la formazione di Sarri aveva ottenuto nove successi su nove.
    • Sfida tra il portiere più giovane di questa Serie A, Stefano Turati e quello più “anziano”, Gianluigi Buffon. Sono 23 gli anni di differenza tra i due.
    •  
    • Francesco Caputo ha preso parte attiva a 11 gol in 11 partite di questo campionato (sette reti e quattro assist).
    • L’Inter ha registrato 12 successi nelle prime 14 partite stagionali di Serie A per la prima volta nella sua storia, all’88ª partecipazione alla competizione.
    • In tutte le ultime quattro stagioni in cui l’Inter si è trovata al primo posto in solitaria dopo la 14ª giornata di Serie A, ha sempre vinto lo Scudetto (dal 2006/07 al 2009/10).
    • L’Inter conta due giocatori con almeno otto reti realizzate nelle prime 14 gare di campionato (Lautaro Martínez e Romelu Lukaku) della squadra per la prima volta dalla stagione 2001/02, con Christian Vieri e Mohammed Kallon.
    • L’Inter è imbattuta in tutti i 19 precedenti interni contro la SPAL in Serie A: 17 successi e due pareggi.
    • L’Inter ha trovato il gol in tutte le ultime 22 gare in tutte le competizioni per la prima volta da gennaio 2007.
    • L’Inter è la squadra che ha segnato più reti di testa in questo campionato (sei), mentre nessuna ne ha subite più della SPAL con questo fondamentale (sei, al pari del Brescia).
    • La SPAL ha segnato con il primo tiro nello specchio tentato in questo incontro.
    • Gli unici due giocatori ad aver guadagnato due rigori in una partita nei Top-5 campionati europei in questa stagione sono Joaquin Correa (v Udinese) e Ciro Immobile (v Atalanta).
    • La Lazio ha vinto le ultime sei partite di Serie A, non ci riusciva da ottobre 2017 (sei anche in quel caso).
    • Quarto rigore tirato in carriera in Serie A da Luis Alberto e terzo realizzato. I tre gol dal dischetto sono arrivati tutti in casa, l’unico errore in trasferta contro il Torino ad aprile 2018.
    • La Lazio ha raccolto 30 punti nelle prime 14 partite di questa Serie A, nel XXI secolo ha fatto meglio solo due volte: 31 nel 2002/03 e 32 nel 2017/18.
    • Per la prima volta in questo campionato la Lazio non ha subito nemmeno un tiro nello specchio, e per la prima volta ’Udinese non ha effettuato conclusioni nello specchio.
    • La Lazio ha affrontato quattro volte in casa l’Udinese alla 14ª giornata di Serie A, vincendo in tutte le occasioni.
    • La Lazio è la squadra ad aver segnato più gol su rigore nei Top-5 campionati europei in questa stagione (sette), mentre solo il Mallorca (sette) ne ha subiti più dell’Udinese dal dischetto (sei).
    • Nessun giocatore del Milan ha segnato più gol di Theo Hernández in questa Serie A (3 al pari di Piatek).
    • Theo Hernández è il giocatore del Milan che ha preso parte attiva a più reti in questo campionato: 4 (tre gol e un assist).
    • Le tre reti di Theo Hernández con il Milan in campionato sono tutte arrivate in trasferta nel secondo tempo.
    • Il Milan non ha subito alcun tiro nello specchio in una partita di Serie A per la prima volta da febbraio 2018 contro la SPAL.
    • Il Milan ha registrato un possesso palla pari al 66.4%, solo contro il Verona a settembre ha fatto meglio in questo campionato (70.4%).
    • Le ultime sei vittorie del Milan in Serie A sono arrivate con un gol di scarto.
    • Per la prima volta in Serie A Krzysztof Piatek è rimasto a secco di gol per sei partite consecutive.
    • Il Napoli non vince da otto partite in tutte le competizioni (6N, 2P), per la prima volta da marzo 2010 (5N, 3P).
    • Il Napoli di Carlo Ancelotti non trova il successo da sei partite in campionato (4N, 2P): l’ultima volta che una squadra guidata dall’attuale tecnico dei partenopei è rimasta senza successi nei cinque maggiori campionati europei per almeno sei gare di fila risaliva a dicembre 2010, quando era al timone del Chelsea; nella sola Serie A, invece, è da febbraio 2002.
    • Il Napoli si ritrova con 20 punti dopo 14 giornate di campionato; i partenopei non raccoglievano un bottino così magro a questo punto della stagione dal 2009/10.
    • Il Bologna ha raccolto quattro punti nelle ultime due partite di Serie A: tanti quanti i rossoblù ne avevano messi insieme nelle precedenti sette (5P).
    • Il Bologna è tornato alla vittoria in trasferta dopo aver perso tutte le quattro precedenti lontano da casa in questa Serie A.
    • Primo gol in campionato di Skov Olsen, che, a 19 anni e 337 giorni, è il più giovane marcatore in Serie A con la maglia del Bologna da Orji Okwonkwo (novembre 2017).
    • L’ultima rete su azione in Serie A di Nicola Sansone (tre reti in questo campionato) risaliva all’aprile scorso, in casa, contro l’Empoli; i due gol precedenti a quello siglato contro il Napoli erano arrivati, infatti, dal dischetto.
    • Skov Olsen è il primo giocatore del Bologna ad aver segnato da subentrato in questo campionato; l’ultimo dei rossoblù a essere andato a segno, in un match di Serie A, dopo essere entrato a gara in corso, è stato Mattia Destro (contro il Milan), lo scorso maggio.
    • Rodrigo Palacio ha tagliato il traguardo delle 300 presenze in Serie A.
    • La Roma ha collezionato la sua 400ª vittoria in trasferta in Serie A.
    • La Roma ha vinto cinque delle ultime sei gare in campionato (1P), realizzando in media 2.3 gol a partita nel periodo.
    • Per la prima volta il Verona ha incassato più di una rete al Bentegodi in questo campionato; in generale, l’ultima occasione prima di oggi risale all’aprile 2018 in Serie A, quando perse con lo stesso punteggio odierno (1-3 vs SPAL).
    • La Roma ha realizzato 12 gol da calcio piazzato, più di ogni altra squadra in questo campionato.
    • Justin Kluivert è l’attaccante più giovane tra quelli che hanno realizzato almeno tre reti in questo campionato.
    • Solo Luis Alberto (nove) ha fornito più assist di Lorenzo Pellegrini (sei) in questo campionato.
    • Lorenzo Pellegrini ha già eguagliato il suo record di assist in un singolo massimo campionato: sei nel 2016/17 con il Sassuolo.
    • Secondo gol per Marco Faraoni in questo campionato, eguagliando così il suo record in una singola stagione – 2017/18 col Crotone.
    • Henrikh Mkhitaryan ha preso parte attiva a tre gol (due reti, un assist) in cinque presenze in questo campionato.

    Chiude la giornata il match della Sardegna Arena tra Cagliari e Sampdoria: i blucerchiati per allontanarsi dalle sabbie mobili della zona retrocessione, i sardi per continuare a sognare.