Final Eight, da giovedì al via la 43a edizione della Coppa Italia

    Final Eight, da giovedì al via la 43a edizione

    La Vitrifrigo Arena di Pesaro è pronta ad ospitare la 43ª edizione della Coppa Italia e la 21ª con l’attuale formato che prevede le Final Eight. Tra le prime otto classificate al termine del girone d’andata della Serie A 2019/20 uscirà la vincitrice del secondo trofeo stagionale, dopo la Supercoppa vinta dalla Dinamo Sassari. Dopo il dominio totale di Siena dal 2009 al 2013 con cinque titoli consecutivi conquistati (anche se i due più recenti sono stati in seguito revocati), sono state ben quattro le squadre ad alzare la coppa nelle ultime sei stagioni. Proprio nelle due stagioni più recenti si sono verificate le due più grandi sorprese dal 2008 quando una super Avellino, guidata da Devin Smith in formato MVP, vinse in finale contro la Virtus Bologna: nel 2018 infatti ha vinto l’Auxilium Torino mentre la passata stagione è stato il turno della Vanoli Cremona.

    Considerato quanto fatto nella prima parte di stagione, la Virtus Bologna è una delle due principali candidate ad alzare la sua nona Coppa Italia e diventare così la squadra più titolata nella competizione (attualmente si trova a otto anche Treviso, non qualificata in questa edizione). La squadra di Sasha Djordjevic non è stata fortunata con il tabellone perché all’esordio troverà i Campioni d’Italia in carica, la Reyer Venezia. In questo campionato Bologna ha vinto entrambi i confronti contro la Reyer realizzando però solamente 79.0 punti in media, contro una media stagionale di 86.9. Da questo incontro uscirà l’avversaria del quarto di finale probabilmente più intrigante, quello che aprirà il sipario del weekend pesarese Giovedì alle 18: Milano contro Cremona. La Vanoli, campione in carica, ha trovato già la vittoria in questo campionato contro la squadra di Ettore Messina e proprio in questo fine settimana disputerà la gara di ritorno contro i meneghini. Rispetto alla disastrosa spedizione 2019 delle Final Eight, con la sconfitta ai quarti di finale per mano della Virtus Bologna, l’AX si presenta a questa Coppa Italia con le luci dei riflettori meno puntate addosso. Dall’altra parte ci si aspetta molto dalla squadra di Sacchetti, anche se rispetto al 2019 ha perso l’MVP Drew Crawford andato proprio a Milano (non potrà però giocare, in quanto tesserato solo per l’Eurolega).

    Nella parte bassa del tabellone delle Final Eight i giochi sono apertissimi. La prima gara del Venerdì vedrà opposte Sassari e Brindisi nel remake della semifinale della scorsa stagione, che vide i pugliesi imporsi sul filo di lana per un punto. In Serie A, Sassari si è imposta al PalaPentassuglia a dicembre, e anche in questa sfida parte con i favori dei pronostici. Chiave di questo incontro: la forza del gruppo di Sassari contro i singoli di Brindisi, su tutti il miglior realizzatore del campionato Adrian Banks (20.9 punti di media) e Tyler Stone. Chiuderanno la prima fase le due meno accreditate per la vittoria finale. La Leonessa Brescia di Vincenzo Esposito dopo aver vinto sette gare di fila in campionato è reduce da due sconfitte mentre la Effe ha perso ben sei delle ultime nove, inclusa la debacle nel derby chiuso con un pesantissimo -32. Sicuramente la finalista che uscirà da queste quattro partirà sfavorita contro una delle quattro big della parte superiore del tabellone, ma le ultime edizioni della manifestazione hanno lasciato un chiaro messaggio: la Coppa Italia è una competizione a sè, quindi attenzione a darne per scontato l’esito.